1. |
  2. Sistemi di controllo della temperatura
  3. |
  4. Termoregolatori ad acqua
Unità d'acqua

Termoregolatori ad acqua fino a 90°C

Tutte le unità di controllo della temperatura dell’acqua della Tool-Temp hanno in comune la temperatura massima di 90°C. A seconda del loro campo di applicazione, tuttavia, differiscono completamente nella struttura. In generale, le unità di controllo della Termoregolatori ad acqua possono essere divise in quattro gruppi. I dettagli possono essere trovati più in basso in questa pagina dei dettagli.

  • Sistemi aperti – raffreddati indirettamente
  • Sistemi aperti – raffreddati direttamente
  • Sistemi chiusi – raffreddati indirettamente
  • Sistemi chiusi – raffreddati direttamente

TT-170 L

  • Temperatura massima 90°C
  • Capacità di riscaldamento 3 kW
  • Capacità di raffreddamento 30 kW @ 90°C
  • Sistema di raffreddamento indiretto
  • Capacità della pompa 28 l/min;
    max. 2,8 bar
  • Acqua media

Ideale per stampi fino a 50 kg e rulli fino a 80 mm di diametro, lunghezza 300 mm

TT-168 E/A I TT-168 H/A

  • Temperatura massima 90°C
  • Capacità di riscaldamento 18 kW
  • Capacità di raffreddamento 45 kW @ 90°C
  • Sistema di raffreddamento indiretto
  • Tipo E: Capacità della pompa 60 l/min; max. 4,0 bar
  • Tipo H: Capacità della pompa 60 l/min; max. 7,0 bar
  • Acqua media

Stampi fino a 1'800 kg

TT-168 PHE

  • Temperatura massima 90°C
  • Versioni di potenza di riscaldamento
    12 kW I 18 kW
  • Capacità di raffreddamento
    50 kW @ 90°C indiretto
    130 kW @ 90°C diretto
  • Sistema di raffreddamento indiretto
  • Tipo E: Capacità della pompa 60 l/min;
    max. 4,0 bar
  • Tipo H: Capacità della pompa 60 l/min;
    max. 7,0 bar
  • Acqua media

 

12 kW: Stampi fino a 1'200 kg / 18 kW: Stampi fino a 1'800 kg

TT-118 K

  • Temperatura massima 90°C
  • Versioni di potenza di riscaldamento
    18 kW I 27 kW I 36 kW I 45 kW
  • Capacità di raffreddamento
    200 kW @ 90°C Fascio di tubi
    400 kW @ 90°C PHE (scambiatore di calore a piastre)
  • Sistema di raffreddamento indiretto
  • Capacità della pompa 200 l/min;
    max. 4,3 bar
  • Acqua media

Ideale per rulli, piatti, contenitori a doppia parete, grandi consumatori

TT-1548 E

  • Temperatura massima 90°C
  • Capacità di riscaldamento 12 kW
  • Capacità di raffreddamento 5 kW @ 70°C
  • Sistema di raffreddamento ad aria
  • Capacità della pompa 70 l/min;
    max. 4,5 bar
  • Acqua media

Ideale per sistemi a tavola rotante

TT-108 E

  • Temperatura massima 90°C
  • Versioni di potenza di riscaldamento
    6 kW I 12 kW I 18 kW
  • Capacità di raffreddamento 100 kW @ 90°C
  • Sistema di raffreddamento diretto
  • Capacità della pompa 60 l/min;
    max. 4,0 bar
  • Acqua media

Stampi per utensili, piastre

TT-108 K

  • Temperatura massima 90°C
  • Versioni di potenza di riscaldamento
    18 kW I 27 kW I 36 kW I 45 kW
  • Capacità di raffreddamento 260 kW a 90°C
  • Sistema di raffreddamento diretto
  • Capacità della pompa 200 l/min;
    max. 4,3 bar
  • Acqua media

Stampi per utensili, piastre

TT-1500 W

  • Temperatura massima 90°C
  • Capacità di riscaldamento 48 kW
  • Capacità di raffreddamento 285 kW a 80°C
  • Sistema di raffreddamento diretto
  • Capacità della pompa 250-350 l/min;
    max. 4,5 bar
  • Acqua media

Rulli, piastre

TT-1368 W

  • Temperatura massima 90°C
  • Versioni di potenza di riscaldamento
    24 kW I 48 kW I 72 kW I 96kW
  • Capacità di raffreddamento 400 kW @ 70°C
  • Sistema di raffreddamento indiretto
  • Capacità della pompa 250 l/min;
    max. 4,5 bar
  • Acqua media

Rulli, piastre

TT-1368 V

  • Temperatura massima 90°C
  • Versioni di potenza di riscaldamento
    72 kW I 96 kW I 144 kW
  • Capacità di raffreddamento 400 kW @ 80°C
  • Sistema di raffreddamento indiretto
  • Capacità della pompa 580 l/min;
    max. 4,1 bar
  • Acqua media

Rulli, piastre

Panoramica dei prodotti
- Unità di controllo della temperatura dell'acqua

Unità di controllo della temperatura dell'acqua - funzione e modalità di funzionamento spiegate

La differenza principale tra i regolatori di temperatura dell’acqua Tool-Temp è che ci sono sistemi aperti e chiusi. Un’altra caratteristica distintiva è il tipo di raffreddamento. Per le unità d’acqua fino a 90°C, si usano sia sistemi di raffreddamento indiretto con scambiatori di calore che sistemi con raffreddamento diretto. Nei sistemi aperti, il mezzo circolante entra in contatto diretto con l’aria dell’ambiente, poiché si tratta di un sistema di riscaldamento a bagno aperto in cui il serbatoio funge anche da vaso di espansione. I sistemi chiusi, invece, hanno un serbatoio di espansione per bilanciare il volume.

Una pompa sommergibile, di solito una pompa centrifuga, è posta sul serbatoio dell’acqua. Il radiatore, una serpentina di raffreddamento a spirale attraverso la quale circola l’acqua di raffreddamento e attorno alla quale scorre il mezzo di trasferimento del calore, si trova nel serbatoio. In queste unità con raffreddamento indiretto, una valvola a solenoide si apre quando il raffreddamento è richiesto e permette all’acqua di raffreddamento di fluire attraverso lo scambiatore di calore. L’ingresso dell’acqua di raffreddamento può essere collegato a un’unità di raffreddamento o all’acqua di rete. I riscaldatori sono riscaldatori a immersione posti nel serbatoio attorno al quale scorre il fluido. Un sensore di temperatura misura la temperatura del mezzo di trasferimento del calore e trasmette il valore all’ingresso del regolatore. Tool-Temp utilizza termocoppie di tipo J (Fe-Ko) come sensori di temperatura in questi modelli di dispositivi. Il controllo del livello consiste in un galleggiante situato nel serbatoio, che aziona un interruttore quando il livello del liquido è troppo basso. Questo interruttore interrompe il circuito della pompa e del riscaldamento (protezione contro il funzionamento a secco). Un termostato di sicurezza interrompe il circuito di riscaldamento quando viene raggiunta la temperatura massima di mandata.

I regolatori di temperatura dell’acqua della Tool-Temp sono caratterizzati principalmente dal loro sistema di raffreddamento. Praticamente tutti i sistemi di termoregolazione con acqua fino a 90°C sono dotati di un doppio raffreddamento per ottenere la massima capacità di raffreddamento nei vari punti di funzionamento. Oltre a uno scambiatore di calore a fascio tubiero o a spirale, vengono utilizzati grandi scambiatori di calore a piastre nell’intervallo di temperatura di funzionamento di 25 – 50°C. Le unità possono quindi beneficiare di un’enorme capacità di raffreddamento su tutto il campo di lavoro di 25 – 90°C e rendono possibile la lavorazione di materiali con le più svariate esigenze di temperatura. Ogni raffreddatore è stato ottimizzato per il rispettivo intervallo di temperatura per garantire la massima durata e robustezza.

A differenza dei sistemi aperti con raffreddamento indiretto, i sistemi di controllo della temperatura con raffreddamento diretto non richiedono uno scambiatore di calore. Quando inizia il raffreddamento, una valvola a solenoide si apre e l’acqua di raffreddamento scorre direttamente nel serbatoio dell’acqua. L’acqua di processo si mescola con l’acqua di raffreddamento e il mezzo in eccesso esce dal serbatoio. Con questo design è importante che lo scarico dell’acqua di raffreddamento sia senza contropressione, in modo che l’acqua possa defluire sufficientemente rapidamente e non prema di nuovo nel serbatoio, che traboccherebbe a causa del design aperto del serbatoio.

Design
Il design di questi sistemi è essenzialmente lo stesso di quello dei sistemi aperti con raffreddamento indiretto. Sul serbatoio dell’acqua c’è una pompa sommergibile, di solito una pompa centrifuga. Nelle unità con raffreddamento diretto, una valvola a solenoide si apre quando è richiesto il raffreddamento e permette all’acqua di raffreddamento di fluire direttamente nel serbatoio dell’acqua. L’acqua di raffreddamento si mescola con l’acqua di processo e l’acqua in eccesso nel serbatoio lascia l’unità attraverso uno scarico. L’ingresso dell’acqua di raffreddamento può essere collegato a un’unità di raffreddamento o all’acqua di rete. I riscaldatori sono riscaldatori a immersione posti nel serbatoio attorno al quale scorre il fluido. Un sensore di temperatura misura la temperatura del mezzo di trasferimento del calore e trasmette il valore all’ingresso del regolatore. Tool-Temp utilizza termocoppie di tipo J (Fe-Ko) come sensori di temperatura in questi modelli di dispositivi. Il controllo del livello consiste in un galleggiante situato nel serbatoio, che aziona un interruttore quando il livello del liquido è troppo basso. Questo interruttore interrompe il circuito della pompa e del riscaldamento (protezione contro il funzionamento a secco). Un termostato di sicurezza interrompe il circuito di riscaldamento quando viene raggiunta la temperatura massima di mandata.

Il design di questo gruppo di dispositivi è molto semplice e quindi attraente per i prodotti sensibili al prezzo. Tuttavia, questo tipo di costruzione può sfruttare proficuamente i suoi vantaggi – capacità di raffreddamento molto alta, design semplice, manutenzione facile – solo se l’unità è concettualmente integrata nel sistema. Quindi, una linea non pressurizzata è necessaria per l’uscita dell’acqua di raffreddamento. Ha senso raccogliere l’acqua di raffreddamento in un bacino o serbatoio e riciclarla. Questo serbatoio d’acqua esterno è preferibilmente dotato di un controllo di livello e richiede una stazione di pompaggio, che fornisce l’acqua a un sistema di raffreddamento centrale o, in caso di richiesta di raffreddamento, all’unità di controllo della temperatura. A differenza dei nostri altri modelli, questo richiede più attenzione all’integrazione dell’attrezzatura nel sistema. Questo gruppo di dispositivi è ideale per le applicazioni senza necessità di raffreddamento, poiché non è necessaria una connessione costosa e il dispositivo è in una fascia di prezzo molto interessante.

I sistemi di riscaldamento e raffreddamento Tool-Temp fino a 90°C con vaso di espansione integrato sono inoltre caratterizzati da un’elevata portata e capacità di riscaldamento a partire da 48 kW. Questo tipo di unità è progettato per applicazioni su grandi rulli, calandre, piastre, recipienti a doppia parete e reattori. Il vantaggio di questi sistemi è che anche i consumatori con grandi volumi di ritorno possono essere temperati senza problemi. Questa serie è usata principalmente nell’industria chimica e farmaceutica. Ma questi dispositivi sono utilizzati anche nel campo del riciclaggio o nella lavorazione della gomma.

Struttura
Le unità di acqua fino a 90°C con un design a serbatoio semi-aperto sono dotate di una pompa in linea. I modelli hanno un serbatoio di espansione di grande capacità per raccogliere il volume di ritorno dei grandi consumatori. Il dispositivo monitora sia la quantità di riempimento minima che quella massima ed emette valori di allarme in caso di deviazione. I riscaldatori elettrici sono alloggiati nel serbatoio e il mezzo circolante scorre intorno ad essi. Gli scambiatori di calore utilizzati in questi modelli sono esclusivamente grandi scambiatori di calore a piastre. Questo per essere in grado di coprire le enormi esigenze di raffreddamento degli impianti chimici. Quando inizia il raffreddamento, l’elettrovalvola si apre e permette all’acqua di raffreddamento di fluire attraverso lo scambiatore di calore a piastre. Il mezzo di processo emette temperatura sulla sua superficie. Per ottenere un risultato ottimale, è necessaria una fornitura di acqua di raffreddamento sufficientemente grande.

Tool-Temp utilizza termocoppie di tipo J (Fe-Ko) come sensori di temperatura in questi modelli di dispositivi. Il controllo del livello consiste in un galleggiante situato nel serbatoio, che aziona un interruttore quando il livello del liquido è troppo basso. Questo interruttore interrompe il circuito della pompa e del riscaldamento (protezione contro il funzionamento a secco). Un termostato di sicurezza interrompe il circuito di riscaldamento quando viene raggiunta la temperatura massima di mandata.

Grazie al generoso serbatoio dell’acqua, questi dispositivi hanno a disposizione un volume di ritorno molto grande. Grazie all’uso di pompe in linea con una portata fino a 500 l/min, c’è una circolazione sufficiente per un controllo ideale.

Questo sistema di riscaldamento e raffreddamento è caratterizzato da un design molto semplice con un’enorme densità di potenza. L’unità ha una grande pompa in linea e un serbatoio in cui sono collocati i riscaldatori. La costruzione del serbatoio è completamente chiusa, come in un sistema di acqua pressurizzata. Il controllo del livello è risolto da un sistema di sensori, per cui anche in questo punto il sistema è completamente chiuso. Questo permette di fare a meno di un vaso di espansione. L’acqua in eccesso che si verifica a causa dell’espansione dell’acqua durante la fase di riscaldamento è diretta verso l’uscita dell’acqua di raffreddamento. È quindi possibile collegare un numero illimitato di grandi consumatori a questo gruppo di dispositivi.

Quando inizia il raffreddamento, la valvola di raffreddamento si apre e l’acqua di raffreddamento si mescola immediatamente con l’acqua di processo. Questo si traduce in una capacità di raffreddamento molto elevata. A differenza dei sistemi a raffreddamento indiretto, l’acqua di processo può essere raffreddata fino alla temperatura dell’acqua di raffreddamento. Il delta tra l’acqua di processo e l’acqua di raffreddamento è quindi praticamente zero. Poiché i riscaldatori sono situati in un serbatoio chiuso, il problema della tracimazione non esiste con questo design. L’eccesso d’acqua dovuto all’acqua di raffreddamento in entrata, ma anche un volume di ritorno troppo grande, non causano problemi, poiché questo può uscire attraverso l’uscita dell’acqua di raffreddamento.

Il quadro elettrico dell’unità contiene gli elementi necessari per il controllo e il monitoraggio automatico, come pulsanti, contattori, relè termici per il motore della pompa, interruttori automatici, così come il regolatore di temperatura.

Il controllo della temperatura è un controller PID con le posizioni riscaldamento-neutro-raffreddamento. L’elettronica è progettata in modo tale che i segnali di riscaldamento e di raffreddamento non possano essere attivati simultaneamente. Questo rende il controllo estremamente economico.

Quando si usano contattori a semiconduttore, gli interruttori automatici o i fusibili interrompono l’alimentazione in caso di sovraccarico o cortocircuito del componente da proteggere (per esempio il riscaldatore).

Tool-Temp dà la massima priorità a una costruzione robusta dei dispositivi. Per esempio, vengono utilizzati solo collegamenti fissi di tubi e la loro fabbricazione viene effettuata su macchine piegatrici altamente automatizzate nello stabilimento di Sulgen. Tutti i lavori di saldatura, come il serbatoio, il vaso di espansione e i vari collegamenti dei tubi, vengono eseguiti a Sulgen da personale specializzato o da robot. Già nella fase di progettazione c’è un focus sulla materializzazione. L’acciaio inossidabile è utilizzato senza compromessi in tutti i punti che entrano in contatto con l’acqua.

  • Sistemi aperti raffreddati indirettamente
    I sistemi aperti di controllo della temperatura dell’acqua con due raffreddatori sono offerti in due dimensioni 12 – 18 kW e 18 – 48 kW di capacità di riscaldamento rispettivamente. C’è una grande richiesta di raffreddamento nella produzione di prodotti alimentari, nel controllo della temperatura dei contenitori a doppia parete, ma anche nell’industria della stampa per il raffreddamento dei rulli. Questi tipi di unità possono essere utilizzati in modo molto polivalente, poiché coprono uno spettro di prestazioni molto ampio nel campo del raffreddamento. In particolare, le unità di controllo della temperatura dell’acqua con una potenza di riscaldamento di 18-48 kW sono utilizzate con grande successo su grandi stampi nell’industria automobilistica.

 

  • Sistemi aperti con raffreddamento diretto
    Le unità con raffreddamento diretto sono utilizzate in applicazioni sensibili ai costi quando sono richieste basse temperature di flusso e un’elevata capacità di raffreddamento. Questi sistemi sono un po’ più complessi in termini di integrazione nel processo di produzione, ma offrono un eccellente rapporto qualità-prezzo in termini di valori di prestazioni di raffreddamento e riscaldamento che possono essere raggiunti.

 

  • Sistemi con vaso d’espansione raffreddato indirettamente
    Questi sistemi sono usati principalmente dove sono richiesti un grande volume di consegna, un’alta capacità di raffreddamento a temperature relativamente basse e un grande volume di ritorno. Le principali aree di applicazione sono i grandi fogli nel processo di termoformatura, le calandre nell’industria della stampa e della gomma e i contenitori a doppia parete nell’industria alimentare, chimica e farmaceutica.

 

  • Sistemi chiusi raffreddati direttamente
    Questi sistemi sono usati principalmente in applicazioni sensibili ai costi, dove è richiesto un grande volume di trasporto e di ritorno e un’alta capacità di raffreddamento a basse temperature. Le principali aree di applicazione sono i grandi fogli nel processo di termoformatura, le calandre nell’industria della stampa e della gomma e i contenitori a doppia parete nell’industria alimentare, chimica e farmaceutica.