FAQ - Domande frequenti

Saremo felici di rispondere alle vostre domande. Come servizio, mettiamo queste risposte a vostra disposizione come un database di conoscenze. Ti manca la risposta a una domanda? Allora per favore chiedete a noi. Non vediamo l'ora di vedervi.

Fondamentalmente tutte le applicazioni in cui un consumatore collegato all’unità di controllo della temperatura (stampo, rullo, contenitore, ecc.) con fori/canali appropriati per la circolazione dell’acqua o dell’olio di trasferimento del calore viene portato alla temperatura di produzione mediante riscaldamento e mantenuto alla temperatura di produzione desiderata durante la produzione mediante raffreddamento o riscaldamento.

Il numero di applicazioni diverse e le possibilità delle unità di controllo della temperatura Tool-Temp sono molto ampie.

Sitratta di due funzioni di base
Prima viene la fase di riscaldamento, cioè il riscaldamento del consumatore collegato. Questi possono essere stampi per utensili, rulli, contenitori, reattori, ecc. che vengono portati a una temperatura precisamente definita necessaria per il rispettivo processo di produzione.

La seconda fase consiste nel mantenere un consumatore alla temperatura di produzione ideale, indipendentemente dalle condizioni di produzione prevalenti, come le interruzioni di produzione o i cambiamenti nel tempo di ciclo.

Con un’unità di controllo della temperatura di Tool-Temp:

  • Ottieni un’ottimizzazione del tempo di produzione
  • Avere la garanzia e l’assicurazione di una qualità elevata e costante del suo prodotto fabbricato
  • Temperatura massima del flusso
  • Mezzo di trasferimento del calore
  • Capacità di riscaldamento
  • Capacità di raffreddamento
  • Capacità della pompa (portata/pressione)
  • Tensione di connessione
  • Struttura interna del sistema
  • Opzioni di controllo e monitoraggio

Si fa una distinzione tra unità di controllo della temperatura con funzionamento ad acqua e unità con funzionamento ad olio di trasferimento del calore (o glicole). I termostati di processo, cioè le unità di controllo della temperatura dell’acqua, hanno generalmente un valore massimo. temperatura di flusso di 90°C, o circa 160°C per le unità ad acqua pressurizzata, mentre quelle ad olio hanno una temperatura di flusso di circa 360°C.

Altri criteri distintivi per le unità di controllo della temperatura sono:

  • Unità con raffreddamento diretto o indiretto (separazione del circuito di raffreddamento e di controllo della temperatura tramite un refrigeratore intermedio).
  • Unità con riscaldamento del bagno o sistema a circolazione forzata.
  • Unità a circuito singolo e multiplo.

Ulteriori caratteristiche distintive delle unità di controllo della temperatura sono:

  • Temperatura massima del flusso
  • Mezzo di trasferimento del calore utilizzato – acqua o olio
  • Capacità di riscaldamento
  • Capacità di raffreddamento
  • Capacità della pompa
  • Tasso di consegna
  • Stampa

Qui distinguiamo 3 stati:

  • Riscaldamento
  • Raffreddamento
  • Tenere
  1. Prima fase – la fase di riscaldamento
    Riscaldamento fino alla temperatura di produzione. L’unità di controllo della temperatura riscalda fino a raggiungere la “temperatura iniziale” desiderata.
  2. Seconda fase – la produzione
    Qui il dispositivo passa dal riscaldamento al raffreddamento. A causa di condizioni di produzione mutevoli e non costanti, come le fluttuazioni della temperatura ambiente, il tempo di ciclo, ecc. Se la temperatura sale troppo, il termoregolatore raffredda, se la temperatura scende al di sotto del setpoint, il termoregolatore riscalda.
  3. Terza fase – l’interruzione della produzione – cioè tenere
    Il consumatore ha una temperatura ideale di consumo, poi si verifica l’interruzione. In caso di interruzione, il consumatore deve essere solitamente riscaldato, evitando così che la temperatura del consumatore scenda e permettendo di continuare la produzione più rapidamente.

I principi di base del riscaldamento e del raffreddamento

Il riscaldamento e il raffreddamento sono eseguiti in modalità on/off, cioè o completamente accesi o completamente spenti. A causa del suo comportamento PD, gli orologi del controllore. Gli impulsi di riscaldamento o di raffreddamento diventano più brevi man mano che la temperatura si avvicina al setpoint. Questo clocking evita l’overshoot e/o l’undershoot.

Un ciclo di controllo è “inerte” in natura. A causa di questa inerzia, la stessa precisione di controllo può essere raggiunta in modalità on/off (ciclismo) come, per esempio, con le valvole di controllo, che richiedono uno sforzo di ingegneria di controllo considerevolmente maggiore. Il controller è un controller a tre punti, che ha le seguenti posizioni: Riscaldamento – Tenuta – Raffreddamento.

Il collegamento e la relativa installazione tecnica dipendono dalle condizioni di processo specificate nell’impianto di produzione. I seguenti componenti di base costituiscono la base:

  • Un tubo per il flusso e uno per il ritorno.
  • I tubi utilizzati devono essere resistenti alla temperatura e alla pressione.
  • Due tubi per la rete dell’acqua di raffreddamento.
  • Un cavo di alimentazione.
  • Gli altri accessori dipendono dall’applicazione.

In linea di principio, questo viene fatto tramite un’interfaccia dati. L’interfaccia digitale (per esempio RS485) è preferibile dal punto di vista tecnico e dell’affidabilità. Con Tool-Temp, sono disponibili diversi protocolli di interfaccia per la trasmissione dei dati dal dispositivo alla macchina. Quale interfaccia usare dipende dalla vostra macchina di produzione. Il protocollo di interfaccia e l’hardware della macchina devono corrispondere al dispositivo.

  • L’installazione dipende dalle condizioni di produzione e di spazio. Se le impostazioni della vostra unità di controllo della temperatura devono essere cambiate frequentemente a causa delle condizioni di produzione, ha senso mettere l’unità in una posizione facilmente accessibile.
  • Si prega di notare quanto segue per quanto riguarda la distanza dell’unità di controllo della temperatura dal consumatore: A causa delle perdite di temperatura e di pressione nelle linee di collegamento tra l’unità di controllo della temperatura e l’utenza, l’unità di controllo della temperatura dovrebbe essere installata il più vicino possibile alla macchina o all’utenza. A causa delle perdite di pressione, il diametro interno delle linee di alimentazione dovrebbe essere ridotto – se mai – solo al consumatore.
  • Valore raccomandato per le linee di connessione: Ø interno non inferiore al Ø interno della linea di mandata/ritorno sull’unità di controllo della temperatura.
  • Le distanze superiori a circa 5 m dovrebbero essere evitate. Se questo non è possibile, il gradiente di temperatura e la perdita di pressione nelle linee di collegamento devono essere presi in considerazione quando si progetta l’unità di controllo della temperatura.
  • In caso di alimentazione termica predominante, le linee devono essere isolate termicamente. Questo vi aiuta a risparmiare sui costi.
  • Queste due denominazioni contengono la stessa funzione.
  • Un’unità di controllo della temperatura è un termostato di processo – un termostato di processo è un’unità di controllo della temperatura.
  • A seconda dell’industria, i dispositivi sono chiamati in modo diverso, ma entrambi i termini significano la stessa cosa. Nell’industria chimica e farmaceutica si parla spesso di termostati di processo.

La messa in funzione di un’unità di controllo della temperatura è molto semplice:

  • Stabilire il collegamento e le connessioni dei tubi flessibili tra l’unità di controllo della temperatura e l’utente.
  • Collegamento dell’unità di controllo della temperatura alla rete dell’acqua di raffreddamento.
  • Collegamento del dispositivo alla rete.
  • Accendere l’interruttore principale del dispositivo.
  • Riempimento del mezzo di trasferimento del calore (per i dispositivi ad olio a mano, per i dispositivi ad acqua a mano o automaticamente, a seconda del tipo e del design).
  • Ingresso della temperatura di mandata, setpoint al regolatore (corrisponde approssimativamente alla temperatura di produzione dell’utenza).
  • Accendere l’unità di controllo della temperatura (pompa, riscaldatore, ecc.).
  • In caso di riempimento non automatico, rabboccare il termovettore fino a quando la pompa funziona senza interruzione, cioè fino a quando una quantità sufficiente di termovettore circola nel circuito di termoregolazione.
  • I passi menzionati sono descritti in dettaglio nel manuale operativo di Tool-Temp.

La temperatura di mandata teoricamente più bassa possibile di un termoregolatore corrisponde alla temperatura di ingresso dell’acqua di raffreddamento (con raffreddamento diretto). In pratica, però, la temperatura minima di mandata deve essere almeno 5°C più alta.

Motivo: Affinché lo scambio di calore avvenga tra l’acqua di raffreddamento e il mezzo di trasferimento del calore in circolazione nel circuito di controllo della temperatura (circuito di consumo), è necessario un gradiente di temperatura minimo.

Sì. La capacità di raffreddamento di un termoregolatore è fortemente dipendente dalla temperatura. Più bassa è la temperatura di riferimento (temperatura di mandata), più bassa è la capacità di raffreddamento.

La raccomandazione per temperature d’esercizio superiori a circa 180 °C.

Le ragioni

  • C’è un rischio per la sicurezza nelle installazioni che non sono collegate in modo permanente. A 180°C la pressione del sistema è già di 12 bar. Inoltre, la pressione della pompa dipende dal consumatore collegato.
  • Le guarnizioni del consumatore possono perdere se la pressione è troppo alta.
  • A seconda della pressione ammissibile del consumatore, tuttavia, la pressione nel circuito di termoregolazione stesso deve essere la più bassa possibile.

Generale

  • Non ci sono restrizioni. A causa delle proprietà di trasferimento del calore molto migliori dell’acqua rispetto all’olio, l’acqua dovrebbe essere usata come mezzo di trasferimento del calore quando possibile.
  • In linea di principio, devono essere utilizzati solo gli oli che sono espressamente dichiarati dal produttore come oli per il trasferimento di calore.
  • Il criterio principale più importante per l’uso di un olio di trasferimento del calore per un’unità di controllo della temperatura è la temperatura massima di flusso e di film ammissibile specificata dal produttore dell’olio.
  • Se possibile, si dovrebbero usare oli sintetici per il trasferimento di calore.
  • Importante: gli oli idraulici, per esempio, non sono ammessi.
  • Si prega di non usare oli che non sono etichettati.

Il consumo di energia dell’unità di controllo della temperatura dipende dall’applicazione – il consumatore controlla questo. Cioè non ci sono riferimenti al consumo effettivo di energia. Un termoregolatore più piccolo e meno costoso può avere un consumo di energia maggiore se il sistema, cioè il consumatore, “succhia” troppo e il termoregolatore è stato scelto troppo piccolo e quindi è costantemente sovraccarico.

Alcuni criteri importanti:

  • La durata delle fasi di riscaldamento e il numero di fasi di riscaldamento. Tuttavia, questo dipende anche da: il peso del consumatore, per esempio lo stampo a iniezione, il numero di cambiamenti del consumatore a causa delle piccole serie, le interruzioni di produzione.
  • Il design del consumatore (fornitura di calore o dissipazione di calore o equilibrio termico, cioè praticamente né riscaldamento né raffreddamento durante la produzione).
  • Criteri relativi al dispositivo: Isolamento termico (“buono” per il riscaldamento, “scarso” per il raffreddamento).
  • Criteri relativi al dispositivo: Efficienza della pompa (generazione di calore).

Si può fare solo un’affermazione semplificata sul consumo minimo di energia, che è costituito dal consumo di energia del motore della pompa e del sistema di controllo. Quando si sceglie un termoregolatore, è consigliabile fornirci i dati di prestazione in modo che possiamo fare delle raccomandazioni per il design.

  • Poiché le condizioni d’uso prevalenti hanno una grande influenza, non si possono dare qui informazioni specifiche.
  • La maggiore influenza sul ciclo di pulizia è: Temperatura di funzionamento, atmosfera polverosa, qualità del mezzo di trasferimento del calore, impurità nel circuito di regolazione della temperatura, nell’utenza e/o nelle linee di collegamento.
  • Come operatore, dovete trovare voi stessi l’intervallo di pulizia ottimale, poiché i processi e i metodi di produzione vi sono più noti.
  • Il manuale operativo di Tool-Temp serve come base iniziale per la vostra decisione. Lì troverete le istruzioni e le informazioni per i necessari lavori di pulizia e i controlli del vostro termoregolatore.

Anche questo dipende principalmente dalle vostre condizioni di produzione – questo anche in relazione al funzionamento a turni e alle ore di funzionamento.

Un criterio molto importante sono le condizioni di funzionamento come la temperatura d’esercizio, le proprietà del mezzo di trasferimento del calore (qualità dell’acqua o dell’olio), le impurità nel circuito di regolazione della temperatura (utenze, linee di collegamento). Non è quindi possibile fornire informazioni precise e concrete sul rinnovo.

Valori guida per l’acqua
Sostituire dopo circa 2.000 ore di funzionamento, incluso degli additivi.
Questo valore rappresenta un anno con un solo turno di lavoro.

Valori indicativi per l’olio
Controllare dopo circa 1.000 ore e rinnovare dopo circa 2.000 ore, incluso degli additivi. Questo valore rappresenta un anno con un solo turno di lavoro.

Un criterio per determinare se un termoregolatore funziona correttamente è la temperatura. La temperatura impostata e quella reale devono corrispondere (da ±1 a ±2°C). Se questo non è il caso, l’unità di controllo della temperatura non funziona correttamente.

Se la temperatura effettiva rimane troppo alta nonostante il raffreddamento sia acceso continuamente, o l’unità è troppo piccola o possono esserci i seguenti problemi:

  • Linea dell’acqua di raffreddamento chiusa.
  • Il radiatore è calcificato.
  • Il filtro della rete dell’acqua di raffreddamento è sporco.

Possibili cause se la temperatura è troppo bassa:

  • Il riscaldatore è rotto.
  • Il contattore di riscaldamento è difettoso.
  • Il relè a stato solido è difettoso. L’elettrovalvola di raffreddamento non si chiude correttamente, per cui l’acqua scorre continuamente attraverso il radiatore.

Se il valore effettivo oscilla intorno al setpoint a causa di un’impostazione errata dei parametri di controllo (riscaldamento e raffreddamento alternati dell’unità), ciò si traduce in un inutile spreco di energia e in una maggiore sollecitazione dell’unità di controllo della temperatura. Poiché la temperatura viene solitamente misurata nel mezzo (acqua o olio), una visualizzazione corrispondente del setpoint e del valore reale sul regolatore non significa necessariamente che anche l’utenza sia correttamente temperata.

Se la portata è insufficiente, la temperatura non viene trasferita al consumatore o solo in modo insufficiente. La portata deve quindi essere controllata. Questo può essere fatto da un misuratore di flusso incorporato nel dispositivo o da un misuratore di flusso esterno.

Il lavoro di base di solito può essere fatto da soli. Tuttavia, questo dipende fortemente dallo “standard di riparazione” e dalle conoscenze interne della vostra azienda: c’è, per esempio, un reparto di assistenza o manutenzione con persone adeguatamente formate?

La protezione più importante: una regolare pulizia di base del dispositivo protegge dalle riparazioni. La pulizia regolare del serbatoio e la semplice pulizia interna prolungano la vita di servizio senza problemi.

Si prega di leggere e utilizzare le istruzioni operative Tool-Temp della vostra unità di controllo della temperatura.

Se non vi è chiaro o avete delle domande, contattateci in modo che possiamo fornirvi delle raccomandazioni per l’azione.

Contatta il nostroEsperti

Chi siamo